pizza alla brace

Di pizza non ne abbiamo mai abbastanza: classica, dolce, fritta o preparata a casa, farcita con gli ingredienti più strani, sottoposta alle cotture più diverse e realizzata con gli impasti più disparati… dobbiamo sempre provarne una nuova e per questo non possiamo esimerci dal parlare (e assaggiare) la pizza alla brace.

In molti l’hanno già provata, molti altri invece, lo stanno scoprendo forse proprio in questo momento…  di cosa si tratta?

Anche in questo caso a svelarci qualche segreto è stato “l’alchimista dell’ acqua e farina”, l’ormai noto a tutti, Gino Sorbillo, che negli anni ci ha abituato a non poche novità.

(Foto di Scatti di gusto)

La preparazione del BBQ è quella classica: griglia rovente e calore a sufficienza per una cotture veloce e saporita.

L’impasto, preparato allo stesso modo della pizza tradizionale, deve cuocere per pochi minuti nel classico forno a legna o elettrico, mentre la farcitura avviene con qualche piccolo accorgimento: per la classica margherita il pomodoro si cuoce a parte mentre la mozzarella va leggermente scaldata in una teglia che non abbia bordi alti in modo da farla scivolare velocemente e senza problemi sulla pizza, il filo d’olio va aggiunto solo alla fine della cottura insieme a qualche foglia di basilico fresco.

Ovviamente la fragranza della pasta sarà differente da quella cotta in forno quindi, altro piccolo segreto è tagliare la pizza in 6-8 spicchi direttamente sulla brace. Magari non sarà esattamente la pizza da mangiare sul divano con birra, patatine e partita ma sarà sicuramente uno sfizioso aperitivo durante le grigliate estive.

Ora qui vedremo sicuramente schierati i fan della pizza in due: da un lato avremo chi non rinuncia alla tradizioni e per cui la pizza è solo quella cotta rigorosamente nel forno a legna, dall’altro invece, troveremo chi non dice mai di no alle novità, perché che sia bianca o rossa, alta o bassa, dolce o salata… la pizza è sempre pizza!

0 Comments
Feb 15, 2019 By Redazione